?

Log in

un nuovo trasloco

eh beh, come si dice... niente è per sempre? Tutte le cose belle prima o poi finiscono?
Io non sono mai stata totalmente  d'accordo, eppure, nel caso dei blog, mi è spesso capitato di dovermi trasferire.

Livejournal è stato il mio "primo amore" nel campo dei blog, figuratevi che ho persino un account a pagamento...

ma ha cambiato gestione, e la gestione attuale ci dà solo disservizi (anche ora che sto scrivendo lo faccio su una pagina completamente sformattata, tutta storta, e non so se pubblicherà il post alla fine...) e i gestori o non rispondono alle nostre lamentele, oppure ci irridono (in russo).

Eh beh, tante care cose.
Inscatolo tutto e via.



Da tempo avevo messo a punto un blog su wordpress, non è perfetto, non è finito, ma come dice Flylady, dobbiamo mettere il perfezionismo in soffitta nel 2012... quindi voilà.

Mi trovate qui: http://dabogirl.wordpress.com

Ci vediamo presto!

in effetti è completamente diverso

MustelaPandala è convinta che sua zia Rae_Isha sia un'ottima biscottificia.

Senza dubbio la Zia in questione è un'ottima pasticcera, ma non ha (finora) mai prodotto chilate e chilate di biscotti per Mustela, quindi non capisco perchè, ogni volta che mangia un biscotto che le piace, la piccola nomini la zia.

Comunque, oggi c'era davvero un ottimo biscotto di Zia Rae_Isha da mangiare.

Un frollino con la marmellata al centro.

MustelaPandala indica la marmellata e dice "etto chi è-ee?" (animista come tutti i duenni)

io: Marmellata, amore, la puoi mangiare.

la guarda perplessa.

La indica ancora: "etto no-ooo" [io non la mangio, questa cosa]

Io: "ok, non mangiarla..."

Ma come fare a non perdere il biscotto? Improvvisamente, l'illuminazione:

"'taaaio!" [sai cosa, lo giro al contrario]

Io e Rae_Isha, ridendo sommessamente "ah, va bene"

e lei, soddisfatta "etto sì-i"  [ah, allora sì, ora me lo mangio, altro che marmellata]

mi arriva un'email da un parcheggio aeroportuale di cui mi sono servita quest'estate.
C'è un bannerino col classico paesaggio innevato, la scritta Buon Natale, e... basta?

Ma no, che non basta.

Siccome a farti gli auguri con le frasi fatte sono buoni tutti, come pure a mandarti cioccolatini, loro si son voluti differenziare.

M'han regalato la botta di cultura:


Contrary to popular belief, Lorem Ipsum is not simply random
text. It has roots in a piece of classical Latin literature from 45 BC,
making it over 2000 years old.



Richard McClintock, a Latin professor at Hampden-Sydney
College in Virginia, looked up one of the more obscure Latin words,
consectetur, from a Lorem Ipsum passage, and going through the cites of
the word in classical literature, discovered the undoubtable source.
Lorem Ipsum comes from sections 1.10.32 and 1.10.33 of "de Finibus
Bonorum et Malorum" (The Extremes of Good and Evil) by Cicero, written
in 45 BC. This book is a treatise on the theory of ethics, very popular
during the Renaissance.



The first line of Lorem Ipsum, "Lorem ipsum dolor sit amet..", comes from a line in section 1.10.32.


No, no, maligni, non è un refuso. E' proprio un regalo.

ieri è stata una giornata campale.

(di un campo di cacca, insomma)

per fortuna ho incontrato la mia Pucci la mattina, e per fortuna ho avuto modo di sfogarmi al telefono con marito e Pucci (so' fortune, eh, avermi sposato / scelto come amica, eh?)

ma devo dire che se avessi trovato un bigliettino si supporto l'avrei apprezzato.

anche per questo...

leaveamessage

ho preparato tre bigliettini e li lascerò
  • sul treno del ritorno
  • a scuola di Mustela Pandala
  • in un altro posto da decidere.
Le frasi sono:
  • mamma e papà sono le parole più belle al mondo secondo quell'essere basso che circola per casa nostra! EVVIVA, SIAMO VIP
  • 5 minuti. Col timer. 5 minuti al giorno solo per te e un tuo hobby (ricamare, scrivere, fare sculture di pongo... quel che vuoi) Alla fine del mese ti stupirai di quanto hai ottenuto!
  • ...ma certo che ce la farai, che ce la faremo. Non può piovere per sempre, e comunque noi siamo sempre ombrelli per noi stessi, o per le persone cui vogliamo bene

Magari, aiuta!

Tags:

mentre sono via

Cara untrice
domani sono via tutto il giorno per lavoro (se torno bacio per terra come i Pontefici)

tu stai già mostrando i primi segni di una congiuntivite e di quel gradevolissimo raffreddore infantile tale per cui il muco ti esce dai dotti lacrimali

(che bella immagine. Ma contempliamo quest'immagine)

Stasera avevi la voce nasale a livelli estremi, e già non si capisce niente quando parli e stai bene, figurati ora che dici babba invece di mamma... e quando non capisco ti dai le botte in testa, frustrata.

Ora, mentre scrivo queste righe, stai svegliandoti in lacrime e sudore ogni 20 minuti circa, che di solito è segno di catastrofe sanitaria incipiente.

Bene, amore mio.

Nonna domani è in giro per ospedali, papà è incasinato (e già in moderato panico alla prospettiva di doverti fare i lavaggi nasali domani), io non ci sono...

per favore, potresti avere meno di 37,4, domani? eh?

per favore?

ps: è anche sparita Baby Sitter M, sono un po' preoccupata

Tags:

...non si finisce mai di imparare...

Ada è oltre.
Ada è la fonte di ispirazione di tutti i cuochi degni di questo nome.

Ada si pone dunque come giusto Lume Protettore per qualsiasi aspirante grande chef.

Eccaaallà.

albericoada

Il nostro eroe che trae ispirazione dal Libro (come, quale libro... il LIBRO, il Talismano della Felicità del 1935 circa con cui vi delizio).

Qui stava imparando il Decalogo della Sugna.

Grazie davvero a Giovanna per la bellissima giornata, a tutti i partecipanti simpaticissimi e naturalmente grazie ad Alberico. che s'è pure spupazzato Mustela.

sugnatale!!

8 dicembre... avete fatto l'albero? Avete appeso dei panetti di burro? Lo avete lucidato con la sugna?
No?
Debosciati scriteriati!

tsk.
 
Vabbè, Ada è buona e si unisce lo stesso al clima natalizio…
Quest’oggi rispondiamo ad una richiesta via twitter della nostra cara amica Ondaluna (oh, come mi piacerebbe una rubrica delle lettere su un giornale per nonne…)


Il Panettone secondo Ada Boni

Del panettone, il famoso dolce specialità milanese, esistono numerose ricette, e ci è anche occorso di leggerne alcune, amenissime, a base di cremore e bicarbonato [no, io dico, cremore e bicarbonato e manco un po’ di sugna… ma io non lo so, ormai le ricette le scrive chiunque… ].

Vi offriamo, secondo la nostra consuetudine, la ricetta milanese autentica [ecco, così imparate a sfogliare altri ricettari che non siano i miei. Cretine. Che vi spacciano la ricetta del casatiello chiamandola panettone e voi ci credete pure, cretine, che tanto mica l’avete mai vista Milano.] Non nascondendovi che la lavorazione è piuttosto lunga e difficile [quindi niente, non ce la potete fare, inette. Mettete da parte quei due euro e quarantacinque e comprate il panettone in offerta. Lo dico per voi.]  e che la condizione essenziale per la riuscita è
disporre di un forno a mattoni

[ancora là state?! Voi, sempre voi, senza forno Addo’  Giggino con l’omino con la pala, senza braci libere in giro per il salone, senza spiede e senza ferri da stiro a carbonella… ancora che volete cucinare?! Ancora?! Toh, un euro ve lo do io: COMPRATEVELO, ‘sto panettone]

per temerari...Collapse )
 
Bene, non so voi, ma io domani andrò a leggere i volantini delle offerte sui panettoni
 

le attrezzature di base/2

È sabato, molti di voi saranno a cena fuori…

DEBOSCIATI!

Quando potevate starvene a casa cucinando un sano piatto di una volta… in fondo che vi serve? Eh? Aduccia vostra lo sa… bastano poche, semplici, attrezzature di base che senza dubbio avrete in casa… No eh?
 Facile ricettina! Collapse )

Bene, spero per voi che abbiate queste semplici dotazioni, altrimenti…  vi ho regalato il senso di colpa del sabato sera.

Tags:

questo non è un paese per fate

MustelaPandala usa ancora il ciuccio. E' pressoché drogata, di ciuccio, ma in un modo strano: a scuola non lo usa, mai, né per dormire, né per consolarsi se si fa male... niente.
Quando arrivo a prenderla, però, la seconda cosa che mi dice (dopo i festeggiamenti) è "ciuccciooo" e continua, con tono a metà tra il mantra e il lamento funebre, finché non glielo do.

Noi, di contro, vorremmo che cominciasse a mollarlo, ma è dura, anche perché per il breve periodo che avevamo imposto la regola "solo per la nanna", ogni tanto improvvisamente andava in camera sua e si metteva in adorazione sotto al cassetto dei ciucci, piangiucchiando.

Comunque, avevo deciso di non comprare più altri ciucci e di aspettare la fine naturale di quelli che ha ora.
un giorno uno aveva la punta rotta, e via, nel secchione.
Un altro giorno il suo preferito, già rotto nell'anello esterno, appiccicava molto, gliel'ho fatto notare ed è stata lei stessa a buttarlo.

Ero speranzosa.

Erano rimasti solo due ciucci.

Ieri mattina al momento di uscire non trovavo nessuno dei due, e quindi siamo uscite senza. Lì per lì lo ha chiamato, ma poi se n'è fatta una ragione.

Al ritorno, vado a prenderla, mi chiede "zuccio?" e io, confortata dal suo relativo buon umore:

"eh, sai, ti ricordi che stamattina non trovavamo il ciuccio? è che è passata una fatina, che li ha presi, per portarli ai bambini piccoli..."

"io gande!"

"eh, sì, tu sei grande!"

"io cocì" (mostra "quattro" con la mano, fiera di avere il pollice opponibile, fregandosene di invecchiarsi)

"eh sì, tu sei grande, hai due anni, mentre ci sono bambini piccoli che hanno bisogno dei ciucci..."

"sì"

"eh, hai visto, stamattina tu sei stata senza ciuccio e sei stata benissimo"

"sì!"

"quindi ha fatto bene la fata, a prendere il ciuccio"

"sì, io gande"

"e quindi oggi non ne compriamo uno nuovo (come vorrebbe tuo padre, stufo di cercarlo nottetempo), stiamo bene senza ciuccio!"

mi guarda

la guardo

"no, io zuzzio sì, sì zuccio".


povera Fata.

perchè una risata mi ci voleva, oggi...

Faccio un test su Pianeta Mamma, che su facebook mi offre ottimi spunti e i cui test mi danno sempre risultati esilaranti (la tua coppia non avrà problemi di fertilità! Il parto va bene anche se l'ostetrica ti ha fatto una battutaccia! Sei magra una cifra, oh, ma mangi abbastanza?!)

Oggi il test era "tuo figlio ha buoni anticorpi?"

Il mio risultato? Eccolo qua.



via, mi ci serviva, la risata.

Tags: