?

Log in

Previous Entry | Next Entry

Aduccia nostra era donna di mondo.

Sì, sì, ve le vedo, le vostre facce, gli occhi alzati al cielo, la mano a mulinello.

Sì, vi dico, Ada era donna di mondo, raffinata, che aveva girato il mondo. Altro che sugna e basta.
Tzè.

Aveva fatto il militare a Cuneo, Ada, altro che.

Bignè Lolita
Senti come suona raffinato?
Bignè, piccolini, francesini, leggeri… e Lolita, una ragazzina che però si diverte a sedurre.
Non può esserci sugna, in questa ricetta.
 
E infatti…
 
Con cento grammi di burro [ecchela là, Ada. Io ti difendo, eh, ma pure tu applicati…] cento di farina, cento d’acqua e tre uova intiere, confezionate una pasta da choux (di cui troverete nel capitolo dei dolci il minuzioso procedimento) [e non state a rompere con queste inezie tipo “come faccio a fare i bignè in una ricetta a base di bignè”] con la quale, a mezzo di una tasca di tela con una bocchetta di latta liscia di un centimetro di apertura [Ada, per Natale ti regalo un sacchetto di punteggiatura] farete su una placca leggermente imburrata [eh, in effetti di burro in giro ce n’è poco]  una serie di choux della grandezza di una noce.
Otterrete circa 24 choux [e se sono 22 ricominciate da capo, inette]. Quando saranno ben cotti [e la piantate con queste domande noiose tipo “a che temperatura il forno” e “per quanto tempo”?!] lasciateli freddare e poi con la punta delle forbici fateci un taglio orizzontale, come se doveste riempirli di crema [pensa te, Ada, che io farei un buco sotto…]
Li riempirete invece – a mezzo di un cucchiaino – con il seguente ripieno.
[e io ci metterei due punti]
Mettete a rinvenire [su, su, animo!] un pugno di funghi secchi, cuoceteli e ritagliateli in pezzetti. Cuocete al burro [eh beh, che, ce la vogliamo risparmiare, ‘sta visita dal chirurgo vascolare?] poche animelle di abbacchio [ma poche, eh, è una cosa leggera] e ritagliatele in dadini. Cuocete anche qualche fegatino di pollo [se no sa di poco, hai ragione].
Riunite tutta questa roba [lo dice lei, “tutta questa roba”. Lo sa, che stiamo ripulendo il garage del macellaio] in una casseruolina. Aggiungete dei dadini di lingua,di prosciutto cotto, un cucchiaino di estratto di carne in vasetti sciolto in pochissima acqua [ma sì, fai vedere che abbondiamo… e il tutto nella casseruolINA], bagnate con un dito di marsala, fate dare un bollo [plop] e ultimate con un pochino [ma un pochino, eh…]  di burro impastato con la farina per ottenere un intingolo saporito e molto denso, che completerete [giacché imperdonabilmente leggero e sguarnito, hai ragione] con un paio di cucchiaiate di salsa besciamella piuttosto densa e una cucchiaiata di parmigiano grattato.
Avrete preparato [eh?! No?! Mentecatte inette, tutto vi devo dire?! Pare che sto scrivendo un libro di ricette…] anche un altro po’ di besciamella non troppo densa però questa volta [eh, che vi conosco a voi, che fate la malta] e finita con un rosso d’uovo e un po’ di parmigiano grattato [sento urlare Barbieri da qui].
In questa salsa passate delicatamente [delicatamente, eh. E’ una ricetta raffinata, d’altro canto…] gli choux riempiti con l’intingolo – come se doveste passarli nella pastella – e subito dopo rotolateli nel pane grattato per
 
FRIGGERLI immediatamente a padella calda. [pronto? E’ l’idraulico liquido delle coronarie?!]
Impanatene e friggetene pochi alla volta, e quando li avrete fritti tutti accomodateli in un piatto con salvietta [perché vi devo sempre ricordare come si apparecchia] disponeteli a piramide e ornandone la base con ciuffi di prezzemolo e spicchi di limone.
E come conclude la ricetta Aduccia?
Col numero di un bravo epatologo?
No.
“è un antipasto caldo molto elegante”.
D’altra parte, in effetti, non c’è sugna.
 

Comments

( 7 comments — Leave a comment )
mammadifretta
Nov. 22nd, 2011 10:09 pm (UTC)
non c'è sugna..
..per gatti. Peccato .:)
(Anonymous)
Nov. 22nd, 2011 11:45 pm (UTC)
È ufficiale! Ti adddddorrrroooooo!!!! Anche stasera ho dovuto spiegare a maritozzo che cavolo mi rido come un tarantolato sul divano. Come glielo traduco 'sugna' in inglese? E 'purciare'? Sei il mio mito!!! xxxxxxxx
The Queen Father
(Anonymous)
Nov. 23rd, 2011 11:32 am (UTC)
dabo la parola antipasto vuol dire la stessa cosa in italiano e per ada? cioè, lei sottintende che dopo i delicati bignè ripieni e imbesciamellati e fritti - m'è venuta la cardiopatia a scriverlo - tu mangi ANCORA??? O_O'
dabogirl
Nov. 24th, 2011 11:28 am (UTC)
eh beh. Del resto propone delle ricette a base di uova ripassate nella sugna e poi panate nel marmo per "i convalescenti"...
(Anonymous)
Nov. 23rd, 2011 02:45 pm (UTC)
sè vabbè.... quella è una dose per 48 persone... ve ne spetta metà a testa.... e non fate i furby che son contati.



gi
Seavessi Tempo
Nov. 24th, 2011 01:07 pm (UTC)
vorrei farti notare che perfino gli elfi domestici si rifiutano di servire il delizioso antipasto, talchè lo devi portare in tavola da te medesima con le tue sante e aristocratiche manine.

(comunque io un po' di sugna la metterei)
Laura Montagna
Nov. 24th, 2011 01:30 pm (UTC)
E va beh...
ma se non c'è la sugna, che ricetta è?
Troppo delicata, troppo leggera...

NO SUGNA NO PARTY
( 7 comments — Leave a comment )